Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

WhatsApp investe molto in sicurezza, ma nonstante tutti gli sforzi non è immune da possibili violazioni alla privacy dei sui utenti.

Ho già affrontato l'argomento su come è possibile, con qualche stratagemma, accedere, di nascosto, alle conversazioni whatsapp di un'altro. Adesso, invece, vediamo come poterci difendere.

Se stai leggendo questa guida probabilmente avrai il dubbio che qualcuno possa spiare le tue conversazioni su WhatsApp, o semplicemente vuoi tutelare la tua privacy. Qualunque sia il motivo, ti consiglio di perdere qualche minuto e proseguire con la lettura.

Questo è un argomento che dovrebbero affrontare tutti quelli che usano whatsapp.

Le operazioni da eseguire sono semplici e non richiedono particolari competenze o grossi sforzi, ma sicuramente possono evitare problemi futuri.

I consigli che illustro sono riferiti a uno smartphone con sistema operativo Android, ma possono essere adattate e utilizzate anche su iPhone o su smartphone con SO Windows Mobile.

Seguite queste poche regole e sicuramente renderete la vita difficile a possibili spioni.

1. Utilizzare il blocco dello schermo con PIN, Password o Sequenza.

Può sembrare banale, ma android ha di default, come blocco dello schermo, lo scorrimento, e in molti non si preoccupano di modificarlo. Chiunque può prendere il tuo cellulare e accedere alle tue app facendo scorrere semplicemente il dito sullo schermo.

Quindi, se non lo hai ancora fatto, per prima cosa, prendi il tuo cellulare android, vai su Impostazioni -> Sicurezza -> Blocco schermo e seleziona una delle opzioni tra Sequenza, PIN o Password.

La cosa importante è che, se vuoi visualizzare le notifiche quando il cellulare è bloccato, alla domanda Quando il dispositivo è bloccato, come desideri che vengano visualizzate le notifiche? seleziona la voce Nascondi contenuti sensibili della notifica. Altrimenti rischi di far vedere ad altri, tramite le notifiche, i tuoi messaggi e vanificare il tutto.

Poi vai su Impostazioni -> Display -> Sospensione e imposta dopo quanto tempo di inattività il cellulare si deve sospendere e quindi andare in blocco. Non usare tempi troppo lunghi, ma neanche troppo brevi, una giusta soluzione, secondo me sono due minuti.

Puoi impostare anche il tempo che deve strascorrere da quando è andato in sospensione e quando si deve attivare il blocco. Può essere utile quando va in sospensione mentre lo hai il cellulare tra le mani e lo vuoi sbloccare immediatamente senza doverlo sbloccare usando il pin.

Lo puoi fare da Impostazioni -> Sicurezza -> Blocca automaticamente.

2. Proteggi le tue app da occhi indiscreti con un AppLock

Anche se hai impostato il blocco dello schermo non puoi sentirti completamente al sicuro. Infatti, il blocco può essere facilmente raggirato da chiunque abbia un po di dimestichezza, insomma da un qualsiasi smanettone.

Quindi se il nostro spione dovesse entrare in possesso del nostro cellulare e riuscire sbloccare lo schermo, dovremmo impedirgli di accedere a WhatsApp.

Una soluzione è quella di usare un AppLock.

Su Google Play Store esistono tantissime app che ci possono tornare utili, ma un ottima app, che ne ho già parlato su Come bloccare WhatsApp con password è Serratura(AppLock). Un applicazione completa che consente di proteggere SMS, Contatti, Gmail, Facebook, Galleria, Play Store, Impostazioni, Chiamate e qualsiasi app desideri, completa di molte opzioni che proteggono la tua privacy.

Una particolarità di AppLock è la possibilità di sbloccare rapidamente le app mediante il riconoscimento delle impronte digitali, però questa opzione funziona solo su Android 6.0 e sulle successive versioni.

Il funzionamento di App Lock è tanto semplice quanto efficace: una volta impostata una sequenza (o un pin) da utilizzare come password, potrai poi scegliere, fra tutte le applicazioni installate sul tuo smartphone, quali proteggere da accessi non autorizzati. Da quel momento in poi, chiunque cercherà di aprirle, dovrà inserire la sequenza prima di poter visualizzare i dati in esse contenute.

AppLock per garantire una maggiore sicurezza non può essere disinstallato semplicemente dal menu applicazioni, non potrà nemmeno essere arrestato o chiuso direttamente dal Task Killer, così da rimanere sempre attivo e funzionante. Inoltre c'è la possibilità nascondere l'icona, in modo da nascondere la sua presenza. Per ulteriori dettagli ti consiglio di leggere Come bloccare WhatsApp con password.

3. Nascondi le conversazioni importanti.

Hai il blocco dello schermo, hai le app bloccate con password, ma qualcuno molto bravo potrebbe ancora riuscire a raggirare questi blocchi e spiare le tue conversazioni su Whatsapp.

Allora cosa fare per dare qualche noia in più al nostro spione?

Una soluzione abbastanza semplice ed efficace è quella di nascondere le conversazioni importanti, quelle che praticamente non vogliamo siano alla portata di tutti, lasciando a disposizioni quelle di cui non ce ne frega niente, in modo da fare perdere tempo, al nostro malintenzionato, su conversazioni WhatsApp irrilevanti.

Di come nascondere le conversazioni su WhatsApp ne ho parlato su Nascondere conversazioni su Whatsapp.

La soluzione più semplice per nasconderle è archiviarle.

Le operazioni da eseguire sono facili: aprite whatsapp e seleziona la schermata "chat" (la scheda dove sono visibili le conversazioni), tieni premuto sulla conversazione che desideri archiviare, comparirà una segno di spunta sull'immagine della conversazione e in alto a destra l'icona di una scatolina con una freccia in basso, come nell'immagine qui sotto. Quindi pigia sull'icona in alto a destra (quella a forma di scatola con la freccia in basso), la chat  sarà archiviata e non comparirà più nella schermata delle Chat.

Fai attenzione, perché se ricevi un messaggio in una chat archiviata, questa riapparirà tra le conversazioni.

Per estrarre una chat archiviata in precedenza: vai alla schermata contente le Chat, scorri in fondo alla schermata e pigia su"Chat archiviate", quindi tieni premuta la chat che vuoi recuperare, nella barra in alto comparirà un icona simile a quella utilizzata per archiviare ma con la freccia rivolta verso l'alto, quindi pigia l'icona per estrarre la chat dall'archivio.



Queste poche regole non saranno sufficienti a proteggerci al cento per cento, ma sicuramente daranno qualche grattacapo in più a chi è intenzionato ad invadere la nostra privacy e il più delle volte terranno al sicuro le nostre conversazioni.

Volendo possiamo anche spingerci oltre, coma nascondere il database delle conversazioni whatsapp o cifrare i testi delle conversazioni, ma anche se queste operazioni tecnicamente non sono molto complesse, richiedono più tempo e molti per pigrizia le eviterebbero. Per questo preferisco non andare oltre. 

Un ottima alternativa potrebbe essere quella di sostituire WhatsApp con Telegram, un app praticamente identica a WhatsApp ma più sicura, in quanto, ha una funzione che permette di inserire la password all'avvio, quindi non necessità di un appLock e ha la possibilità di usare la funzione chat segreta, dove i messaggi si autodistruggono una volta letti.

Di Telegram ne parlerò in una prossima guida.

Potrebbe interessarti anche: